global summit beauty

Manca pochissimo al Global Beauty Industry Summit, il primo summit mondiale dell’industria cosmetica sponsorizzato da Openstreams (openstreamsfoundation.org) in collaborazione con le Nazioni Unite. Un evento aperto a tutti e per tutti. 

In questa occasione, i presidenti delle principali associazioni cosmetiche mondiali si riuniranno per discutere sul futuro dell’industria cosmetica.

GLOBAL BEAUTY INDUSTRY SUMMIT 

L’evento è promosso da Openstreams Foundation, l’organizzazione no-profit creata dalla fondatrice di Beautystreams, Lan Vu, per celebrare il 10° anniversario della nascita di Beautystreams.

Il Summit riunisce gli esponenti delle organizzazioni beauty di tutto il mondo e delle principali fiere ed eventi del settore. A parlare saranno i rappresentati di 17 associazioni e 11 trade show per un’audience globale.

L’intento è quello di favorire una proficua e duratura collaborazione tra i vari paesi, analizzando gli obiettivi comuni e le strategie possibili per rafforzare l’industria della bellezza. Non solo. Il summit sarà l’occasione per fare il punto sulle priorità dell’industria cosmetica di ogni paese in questo periodo. 

Il Summit sarà il primo di una serie di eventi realizzati da Openstreams Foundation, che si pone come obbiettivo quello di favorire la collaborazione internazionale, stimolare il dialogare sui temi chiave del settore cosmetico e supportare la formazione.

Solo con il contributo di tutti i rappresentanti dell’industria della bellezza è possibile promuovere a livello globale e su larga scala temi come l’emporwerment femminile, l’uguaglianza di genere e l’accettazione di sé.

L’evento, che avrebbe dovuto tenersi a New York, nell’headquarter delle Nazioni Unite, a testimonianza della diplomazia fra i vari paesi, a causa della pandemia si terrá online il 23 ottobre in “Premiere” alle 9.30 e, in seconda sessione, alle 18 (ora italiana).

UNA VISIONE GLOBALE CON ATTORI LOCALI

Il 25 Novembre, ad un mese esatto dal Global Beauty Industry Summit, verrà lanciato l’Official Report 2020. È un documento post-evento che riprenderà i temi chiave affrontati durante il summit e farà luce sulle strategie, unendo le visioni globali e locali.

A rappresentare la filiera produttiva cosmetica italiana ci sarà Matteo Moretti, Presidente del Polo della Cosmesi.

Nel suo intervento Moretti parlerà degli effetti della pandemia sul comparto produttivo cosmetico e del ruolo chiave di supporto svolto dal Polo della Cosmesi in questo delicato momento.

Non solo. Durante il suo intervento, Moretti parlerà anche del “Global Cosmetic Cluster”, un progetto di partnership fra i cluster cosmetici europei nato per aumentare le opportunità di business internazionali delle PMI verso mercati terzi. Mettere in rete l’esperienza dei singoli, condividere risorse e conoscenze, agire sinergicamente è infatti la strada da intraprendere per supportare lo sviluppo di catene di valore nel settore e cogliere nuove opportunità di business.  

 “La cosmetica è un’industria solida che tuttavia è stata duramente colpita dalla pandemia. La crisi di questi mesi ha messo in luce l’importanza della collaborazione fra imprese e la necessità di un approccio olistico da parte dell’industria. Siamo convinti che la partnership tra le imprese sia la chiave per affrontare le prossime sfide del mercato e il progetto Global Cosmetic Cluster si inserisce perfettamente in questo scenario”.

Il Global Beauty Industry Summit sarà disponibile in diverse lingue. Per seguire l’evento registrarsi su: https://bit.ly/31uXus5